Campionati svizzeri giovanili U14: 4° rango per i nostri ragazzi

Lugano U14- Collombey-Muraz Chablais 66-69 (16-9,41-29; 53-52)

 

Alessi 2, Postacchini 6, Dell'Acqua 2, Ballabio10, Matasic 13, Togninalli 15, Botteon 3, Noelle 6, Bisanti 3, Angert 2, Lazzarini. 

 

Lugano U14 -Lancy 52-61 (11-19,21-30; 37-46) 

 

Alessi, Dell'Acqua 3, Ballabio12, Matasic 4, Togninalli (cap.) 24, Botteon 2, Noelle 2, Bisanti 3, Angert, Lazzarini. 

 

Fine settimana amaro per i nostri U14 alle final4 dei campionati svizzeri. 

Sabato sono stati sconfitti di soli 3 punti dalla squadra che sarebbe poi è diventata la numero uno in Svizzera. 

La semifinale si era avviata molto bene per i nostri, nell'arco dei primi tre quarti il vantaggio di Lugano ha spesso superato i 10 punti. Chablais con molta pazienza e con l'evidente aiuto dei due arbitri, ha saputo recuperare fino ad avere in mano l'inerzia della partita nell'ultimo quarto. Alcuni grossolani errori dei nostri tigrotti, la precisione al tiro da 3 dei romandi (6 tiri messi a segno contro 0 di Lugano ) permettevano a Chablais di imporsi 

proprio nei secondi finali della partita. Delusione al fischio finale perché venire sconfitti negli ultimi 30 secondi dell'incontro e pur dimostrando a lunghi tratti di essere superiori, fa male. 

Accettiamo comunque questa sconfitta perché i nostri avversari hanno saputo meritare la finale. 

La partita di domenica contro Lancy era solo una formalità per definire i piazzamenti. I nostri ragazzi l'hanno affrontata con l'impegno che si può avere dopo avere mancato l'accesso alla finale ma pur privi di diversi ragazzi (alcuni cronici, altri freschi), sono scesi in campo con l'intenzione di vincere. 

Per la prima volta in partite ufficiali, i tigrotti hanno fin dal primo minuto subito i pari categoria avversari. Lancy sempre avanti e i nostri a rincorrere fino ad arrivare al pareggio, ma con gli avversari sempre pronti ad allungare. 

Finale piuttosto agitato a causa di un arbitraggio indecoroso che in ogni caso nulla toglie al merito dei romandi che hanno conquistato il terzo posto. 

Ai nostri ragazzi rimane la consapevolezza di essere i numeri 1 in Ticino anche se queste due partite li riportano con i piedi per terra, le  sfide infatti bisogna vincerle sul campo.  

In ogni caso possiamo affermare di aver vissuto un anno positivo seppur senza la ciliegina sulla torta.  

Complimenti a tutti i ragazzi scesi in campo durante l'intera stagione e un grazie ai genitori che hanno seguito con entusiasmo questa avventura sportiva.