U16 A: Finale Coppa Ticino arriviamo!

Lugano A – Arbedo 85-68
(12-18, 18-21, 27-15, 28-14)
Lugano A: Del Dono 9, Azzolina 5,Galimberti 6, Richetti NE, Pastorelli NE, Coter NE, Basic 12, Negri 15, Lusenti 6, Vergani 4, Bortolin 14, Branchini 14. 

Semifinale di coppa Ticino dai due volti quello disputato ieri sera alla Gerra  tra i locali e l’Arbedo. Inizio di partita piuttosto complicato per i nostri tigrotti.
L’attacco non funziona al meglio e la difesa fa fatica a contenere l’aggressività e la rapidità dei sopracenerini, risultato dunque meritatamente a favore di Arbedo che sembra controllare tranquillamente la partita.
Concediamo parecchio all’avversario che non si fa pregare troppo per andare a canestro senza trovare molti contrasto da parte nostra.
Poco reattivi in difesa e confusionari in attacco riusciamo comunque a tenere aperta la partita. Malgrado il primo tempo da film horror andiamo alla pausa sotto solamente di 9 punti.
Brevissimo passaggio negli spogliatoi con altrettanto brevissimo cazziatone ( ma con la C maiuscola ) e siamo di nuovo in campo pronti a riprendere.  
L’aria sembra cambiata e si vede anche qualche faccia arrabbiata (finalmente !!).  
Nella seconda parte si vede decisamente un altro Lugano: ritorniamo a difendere in maniera aggressiva sul pallone e non concediamo più niente di facile agli avversari e come spesso ci accade in questi casi anche l’attacco ne risente in maniera positiva. Dopo la pausa il risultato parla chiaro: 55 a 29 per i Tigers.
E sì, quando assieme al fisico mettiamo anche la testa tutto diventa più facile e quella di ieri sera è stata l’ennesima conferma.  Vediamo la squadra lottare a rimbalzo e sbattersi in difesa, passarsi la palla in fase offensiva e attaccare il canestro avversario. Tutta un’altra cosa rispetto ai primi due quarti. 

Alla fine ci prendiamo questa vittoria e dopo le vacanze ricominceremo a lavorare per preparare al meglio l’inizio del girone di qualifica alle final 4 e alla finale di coppa Ticino del  7 marzo che ci vedrà opposti alla corazzata della SAV Vacallo.

Felici per la vittoria acquisita ma coscienti del fatto che per poter impensierire i momò non potremmo permetterci di regalare 2 tempi di gioco all’avversario e che l’atteggiamento da mettere in campo dovrà essere quello del secondo tempo.