Keith Rendleman: "The Tiger"

1. Chi è Keith Rendleman fuori dal parquet?

Sono una persona a cui piace mantenersi in movimento. In America vivo sulla spiaggia e cerco di godermi la vita di mare il più possibile.
Mi piace anche molto divertirmi con gli amici, non importa cosa facciamo, possiamo giocare a ping pong o ai videogiochi, l'importante è stare insieme e divertirsi.

2. Qual è il momento più bello che hai vissuto a Lugano da quando sei arrivato?

Direi la prima partita in casa, perchè il pubblico era molto caldo ed entusiasta, così mi sono fatto un'idea di come poteva essere il resto della stagione.


3. Com'è stata la tua esperienza in Corea? Com'è la vita in questo paese?
L'esperienza in Corea per me è stata molto interssante; avevano appena costruito una palestra che poteva contenere fino a 6'000 spettatori, questi tifosi ci trattavano come dei Re perchè amavano il Basket.
Anche la squadra era ottima anche se nessuno di loro parlava l'inglese riuscivamo sempre a capirci anche semplicemente con la gestualità. Il Club ci trattava anche molto bene permettendoci di vivere in appartamenti bellissimi e dandoci tutti i confort.


4. La tua squadra del cuore.

Sono sempre stato un tifoso dei LA Lakers.

5. Se fossi un animale quale vorresti essere e perchè?
Avrei sempre voluto essere una tigre, sia per il suo aspetto che per il fatto che è un animale feroce.  


6. Cosa ti piace di più di Lugano?

Il paesaggio sicuramente, la vista delle montagne e della città è molto bella.


7. Qual è il tuo obiettivo per quesa stagione?

Il mio obiettivo è quello di migliorarmi ogni partita e di vincere il campionato.